Ciclo mestruale e  cristalloterapia. Consigli sull’utilizzo delle pietre per alleviare  i principali disturbi. A cura di Pamela Monti

Ciclo mestruale e cristalloterapia. Consigli sull’utilizzo delle pietre per alleviare i principali disturbi. A cura di Pamela Monti

Ciclo mestruale e  cristalloterapia. Consigli sull’utilizzo delle pietre per alleviare  i principali disturbi. A cura di Pamela Monti

A cura di Pamela Monti
Contatti: pampa.orig@hotmail.it
Segui la pagina Facebook di Cristalli di Luna

Il ciclo mestruale è un fenomeno del tutto naturale e fisiologico e ogni donna dovrebbe soffermarsi ad ascoltarsi ed osservarsi per capire in base alla tipologia di ciclo mestruale che cosa il proprio corpo sta cercando di comunicare. Il ciclo mestruale, infatti, non è lo stesso per tutte, ma vediamo più nello specifico i principali disturbi del ciclo, quale significato attribuirgli e quali aspetti salienti della personalità emergono da queste distinzioni:

Amenorrea : con il termine amenorrea si identifica l’assenza del ciclo mestruale che secondo la meta medicina è molto spesso indice di una rinuncia della propria femminilità, vissuta probabilmente in maniera conflittuale. Molto spesso le donne che presentano la mancanza di ciclo vivono un desiderio inconscio di restare o tornare bambine per evitare quelle che sono le “problematiche” correlate ad una fase matura della propria sessualità, evitando in questo modo le responsabilità di una donna adulta. In molti casi, invece, è dovuto all’identificazione in un modello maschile dominante nella propria vita o come accade per molte donne nel mondo del lavoro ad una rinuncia della propria sfera materna a favore della carriera oppure ad un’insicurezza scaturita da un ambiente familiare che ha ostacolato il diventare adulte delle proprie figlie.

Dismenorrea: la dismenorrea indica un ciclo mestruale doloroso, con forti crampi addominali, nausea, vomito, mal di testa etc. un ciclo molto doloroso è indice di una non accettazione della trasformazione femminile che il nostro corpo compie durante la fase della maturità sessuale, viene vissuto quasi come un pericolo. Può esprimere una femminilità repressa, vissuta con una sorta di rifiuto e spesso con sensi di colpa (come se il rallentare naturale che dovrebbe verificarsi durante i giorni del ciclo fosse una connotazione negativa), lo si vede spesso nelle persone frenetiche e iperattive.

Ipermenorrea: è un flusso molto abbondante , sia per quanto riguarda il flusso che i giorni di ciclo, quasi fosse una vera e propria emorragia e causando nel soggetto i sintomi dell’anemia. Questo aspetto denota una femminilità tralasciata, trascurata. Simbolicamente rappresenta come una sorta di pianto di un utero che non è riuscito ad assolvere alla sua funzione di procreazione. Molto spesso le donne che ne soffrono si sentono poco valorizzate.

Oligomenorrea: ne soffrono le donne che presentano un ciclo molto scarso e breve. Chi ne soffre è molto probabile che sia una persona che con fatica esterna quello che ha dentro e che cerca di tenere tutto sotto controllo, cercando di razionalizzare anche gli stati emotivi.

Ho voluto portare l’attenzione su questi aspetti iniziali perché molto spesso viviamo il ciclo con troppo distacco, quasi come se dovessimo celarlo come se fosse un aspetto negativo nella vita della donna mentre dovremmo imparare a viverlo in maniera consapevole visto che rappresenta il simbolo per eccellenza della nostra femminilità.

 Imparare a vivere il proprio ciclo mestruale in armonia con noi stesse, con i cicli lunari, con la natura che ci circonda, con il nostro pianeta, non solo ci aiuterà a riappropriarci dei corretti aspetti della nostra femminilità ma influenzerà attivamente quella che è la nostra fase di crescita emozionale, spirituale ed intellettuale.

E proprio per vivere questi aspetti in armonia con la natura e la luna parliamo della pietra per eccellenza della femminilità e che possiamo usare come rimedio per affrontare quelli che sono i disturbi fisici ed emotivi legati al ciclo mestruale.

 LA PIETRA DI LUNA

La Pietra di Luna meglio conosciuta con il nome di Adularia. La principale caratteristica di questa pietra è un gioco di luci quasi magico in quanto i suoi misteriosi riflessi assumono un aspetto diverso quando la pietra cambia posizione muovendosi. Ed è proprio da questa caratteristica chiamata adulescenza che prende il suo nome “Adularia”; fenomeno che avviene tramite la rifrazione dei raggi solari all’interno della pietra creando questi effetti di rifrangenza magici.

La Pietra di Luna è ideale per gli innamorati, in quanto si ritiene susciti sentimenti di tenerezza e protegga il vero amore, pietra altamente recettiva viene impiegata anche per attrarre l’amore; a tale scopo, se siete alla ricerca della vostra anima gemella, portare con se o indossare una Pietra di Luna aiut a ad attrarre l’amore nella vostra vita.
Consiglio anche alla sposa che vuole apparire al massimo della sua bellezza, del suo fascino e della sua sensualità, di indossare un ciondolo di Pietra di Luna nel giorno delle nozze così che la bellezza sprigionata da questo bellissimo tesoro della natura si fonda all’interno della sua aura riflettendosi all’esterno e lasciando lo sposo incantato.
E’ di colore bianco, giallo o incolore con bagliori blu o bianchi, talvolta può essere scambiata da occhi poco esperti con la labradorite bianca conosciuta anche con il nome di pietra di luna arcobaleno.
Armonizza il 2° e il 6° chakra, la sua energia è collegata alla luna e all’elemento acqua.
È la pietra della femminilità per eccellenza, esalta il lato femminile, la dolcezza, la comprensione e l’amore materno, infonde armonia in qualsiasi tipo di rapporto, risveglia l’amore, il romanticismo, la pazienza, la disponibilità; aiuta a comprendere più facilmente i sentimenti degli altri e attenua dal cosiddetto comportamento “lun atico”.
Nei trattamenti di cristalloterapia viene collocata sul 2° chakra, dove si ritiene che entri in risonanza con la più intima essenza femminile. Aiuta a mitigare le emozioni troppo forti riequilibrandole, sciogliendo i modelli emozionali negativi che risiedono nel subconscio e accrescendo la parte più intuitiva di noi illuminando le nostre emozioni; se posta, invece, sul plesso solare aiuta a riallineare il corpo fisico con il corpo emotivo e mentale.
E’ un riequilibrante del sistema nervoso, stimola la circolazione linfatica e la disintossicazione del corpo ed aiuta e previene le infiammazioni che colpiscono il tratto urogenitale, regolarizza il ciclo mestruale, intensifica l’attività della ghiandola pineale, favorisce la fertilità, allevia i disturbi della menopausa, cura le disfunzioni ormonali e le disfunzioni tiroidee.
La sua iridescenza imprime nell’aura le qualità di ogni colore arricchendo le vibrazioni di ogni chakra, ha un effetto calmante rendendo meno aggressivi e polemici. Agisce come una sorta di guardiana delle porte di accesso al subconscio aiutandoci ad accettare la nostra parte più femminile, quella più sacra. Nell'antichità veniva associata alla dea Diana e si credeva diventasse più brillante in coincidenza della luna piena. Aumenta in particolare l'intuito, favorendo le capacità psichiche, la chiaroveggenza, la telepatia e la sensibilità ai cicli naturali. Gli indovini sono soliti portare Pietre di Luna con le carte dei tarocchi o con le rune per accrescere la loro facoltà divinatoria, anche la sfera di cristallo per la divinazione viene circondata da Pietre di Luna prima di cominciare con la visione.

CURIOSITA' Un altro nome della Pietra di Luna è "Selenite" che deriva da Selene, la dea greca della Luna. Secondo una leggenda indiana la pietra compare sulle rive del mare solo cinque volte all’anno e solo nelle notti di luna nuova; la fortunata fanciulla che ne raccoglierà una riuscirà a sposare un re.

Alle donne che desiderano avere figli si raccomanda di indossare una Pietra di Luna a ll’altezza del cuore o del plesso solare. Per chi soffre di insonnia, invece, porre una Pietra di Luna sotto il cuscino per favorire un sonno ristoratore. Per apportare fertilità al vostro raccolto si consiglia di indossare o portare in tasca una Pietra di Luna mentre si svolgono i lavori di giardinaggio, può essere anche seppellita in giardino o nei vasi immaginando il vostro raccolto e i vostri fiori colmarsi di fertilità oppure appesa ai rami degli alberi.
La qualità della gemma varia in base a quanto è più intenso il colore e a quanto più è trasparente.
La Pietra di Luna con adulescenza azzurra è quella di qualità più alta in quanto presenta una suggestiva profondità tridimensionale. Tali esemplari sono più rari e pertanto più costosi
La pietra di luna ci viene in aiuto per portare al di fuori ciò che è dentro di noi ed è di supporto quando ci troviamo di fronte a cambiamenti radicali. Ci aiuta a raggiungere un buon equilibrio emotivo mettendo in contatto con le nostre emozioni in maniera delicata. Viene utilizzata per stimolare la fertilità e per regolarizzare il ciclo mestruale. Mitiga gli aspetti di chi ha un atteggiamento troppo maschile ed aiuta ad accettare il proprio femminile e le emozioni e sentimenti ad esso correlate. Il potere della pietra di luna è al massimo durante il plenilunio. Per chi vuole provare il potere degli elisir delle gemme Le Essenze di Cristalli (Gemme o Minerali) Alaskane di Ricerca aiutano ad avvicinarsi a queste energie guaritrici in modo molto efficace: essendo in forma liquida possono essere applicate esternamente da sole o insieme a creme od olio da massaggio; possono essere assunte anche per via orale, da sole o insieme alle essenze floreali.

Moonstone (Lunaria)
Indicazioni: tensione premestruale; ipersensibilità durante le mestruazioni; suscettibilità, irritabilità, iperreattività; l’energia emotiva è bloccata ed è difficile esprimerla in modo chiaro; mancanza di sensibilità e di consapevolezza intuitiva sia negli uomini che nelle donne; personalità dura.
Proprietà: fa circolare l’energia nel corpo emotivo; migliora la ricettività e l’intuizione, che sono un’espressione dell’energia femminile, sia negli uomini che ne lle donne; equilibra e concentra le forze psichiche. Irritabilità. Calorosità e ricettività

ALTRE PIETRE CHE POSSONO VENIRE IN SOCCORSO
Calcedonio
: aiuta a riequilibrare il sistema ormonale
Celestina : stimola l’attività delle ovaie, specialmente per riportare equilibrio dopo un uso prolungato di anticoncezionali.
Corallo : da indossare in caso di mestruazioni dolorose e irregolari, cura l’anemia e i disturbi circolatori ed è un antidepressivo.
Corniola : allevia le infiammazioni ovariche, delle tube e stimola la circolazione sanguigna.
Crisocolla : attenua i disturbi mestruali (più indicata in caso di gestazione o parto), favorisce la calma emotiva ed elimina lo stress.
Diaspro rosso : tonifica gli organi genitali, stimola la produzione dei globuli rossi e l’assimilazione del ferro.
Ematite : combatte anemie ed emorragie.

CURIOSITÁ LEGATE AL CICLO

Nella cultura occidentale è stata attribuita una connotazione al quanto negativa al ciclo mestruale femminile, quasi fosse un tabú e possiamo vederlo giornalmente anche attraverso le fonti di comunicazio ne come la tv che ci propina pubblicitá su come acquistare "prodotti intimi femminili" che siano invisibili e che mettano la donna in condizione di affrontare la caotica vita professi onale senza alcun limite.
Nelle civiltá antiche, a differenza del nostro sistema di pensiero, il periodo del ciclo mestruale femminile era considerato sacro e paragonato alla stupefacente fase lunare. Sfatiamo quello che ci é stato trasmesso riguardo al ciclo che viene associato ad un senso di imbarazzo, di vergogna, di una cosa da celare e focalizziamo l'attenzione su quello che é il vero potenziale del ciclo mestruale, vivendolo in maniera consapevole e completa, accettando i cambiamenti mensili che si ve rificano sia sul nostro aspetto fisico che su quello mentale e spirituale, trasformiamo i disagi e portiamoli all'evoluzione per poterci riappropriare del contatto con le energie della natura, della luna e della terra.
Come tutti ben sanno il ciclo mestruale segue esattamente il ciclo lunare di 28 giorni, proprio come la luna noi viviamo in questi 28 giorni un periodo di crescita, uno di stabilizzazione e uno di calo.
Il primo giorno del ciclo é quello identificato come il momento della liberazione, ed é proprio in questo momento che dobbiamo imparare a lasciare fluire le cose, a praticare il non attaccamento, liberiamoci di quelle cose che non ci servono piú (che siano oggetti, emozioni, rapporti), specie quelle emozioni che rallentano la nostra evoluzione e autoguarigione come la paura, la rabbia e il senso di colpa.
Nella seconda settimana (conosciuta come fase estrogenica) i livelli di serotonina salgono, quindi siamo piú energiche, piú felici, piú ottimiste ed é il momento ideale per affrontare raffronti con altri, per impostare conversazioni e per presentarsi agli altri e via libera alla creativitá!
Nella fase dell'ovulazione (che avviene nel periodo tra il 12 e il 16 giorno) siamo piú aperte verso gli altri, piú estroverse, piú attraenti. Subito dopo il periodo dell'ovulazione, quando il progesterone aumenta, noi diventiamo piú riflessive, introspettive e l'intuito si acuisce, avremo il desiderio di ritirarci proprio come la luna calante...quindi care amiche, ció che l'intuito vi mostra in quel periodo. ..non sbaglia quasi mai...

Dobbiamo riscoprire questo...le fasi, i cicli, prenderci i nostri tempi e riscoprire che non c'é nulla di male a fermarsi e concedersi il diritto di sentirsi stanche o spossate visto la delicata fase che stiamo attraversando.

Imparate a rivivere quella sacralitá e spiritualitá che é correlata al ciclo mestruale, imparate a sentirvi pienamente donne specie in questa societá che ci proprina ogni giorno prototipi androgini come femminilità. Riscoprire l'essere donna con i propri pregi e le proprie vulnerabilitá!

Contattami per ogni info o curiosità: pampa.orig@hotmail.it
Segui la pagina Facebook di Cristalli di Luna

CERCA OPERATORI OLISTICI

CALENDARIO EVENTI

Nessun evento in programma, consulta lo storico.


ULTIME FAQ

I benefici della Mindfulness

Yoga Reiki Ostetricia

PERCHE' PRATICARE GIOCA YOGA

Yoga Reiki Ostetricia

PERCHE' PRATICARE YOGA IN GRAVIDANZA

Yoga Reiki Ostetricia


Il Portale del Vivere Bene (1)
Tedaka (1)
Centro di Bionaturopatia "La Sorgente" di Mion Andrea
ALLARIA (1)
GeoLam