Metodi naturali per combattere il colesterolo.

Metodi naturali per combattere il colesterolo.

Metodi naturali per combattere il colesterolo.

Segnalato da Erboristeria Le Coccole
Visita la pagina personale

Il colesterolo ha di certo una brutta reputazione. Se ne parla molto, e molti lo temono, eppure spesso non se ne conoscono appieno le caratteristiche (specialmente quelle che lo rendono utile), come non si conoscono tutte le abitudini da adottare per mantenerlo ai giusti livelli.
Iniziamo con lo sfatare alcuni miti sul colesterolo non del tutto corretti, e vediamo quindi alcuni consigli su come modularne i livelli nel sangue.
Il colesterolo è indispensabile per l’organismo, svolge infatti importanti funzioni: per esempio figura tra le sostanze che compongono le membrane cellulari, serve anche per la sintesi di importanti ormoni e molecole funzionali dell’organismo. Non è quindi un nemico a priori!

Quando si parla di colesterolo bisogna distinguere tra colesterolo “cattivo” (LDL), particelle che se in eccesso potrebbero depositarsi lungo le pareti arteriose, e colesterolo “buono” (HDL), costituito invece da corpuscoli incaricati di trasportare il colesterolo verso il fegato, che lo eliminerà dal sangue. È il colesterolo che assumiamo con il cibo ad alzare la colesterolemia In realtà, il colesterolo in circolo dipende solo in piccola parte (15-20%) dal colesterolo proveniente dalla dieta; per il resto, si tratta dicolesterolo sintetizzato dall’organismo.
È giusto allora limitare gli alimenti che di per sé contengono colesterolo, ma bisogna fare attenzione anche a cibi e fattori che stimolano la fabbricazione del colesterolo endogeno, come ad esempio l’eccesso di calorie.

Come tenere sotto controllo il colesterolo

1. ALIMENTAZIONE 
Gli alimenti alleati Per tenere a bada i livelli di colesterolo si può puntare sull’assunzione di grassi insaturi. Questi, oltre a diminuire la quantità di colesterolo LDL nel sangue, aiutano anche ad aumentare i livelli di colesterolo HDL. Si trovano soprattutto nel pesce azzurro, negli oli vegetali e nella frutta secca. Un altro trucco può essere consumare alimenti ricchi di fibre: queste aiutano a ridurre l’assorbimento di grassi da parte dell’intestino. • Gli alimenti a rischio Gli alimenti più ricchi di colesterolo sono carne rossa, crostacei, e latticini. Gli esperti consigliano di non superare le due uova a settimana, mentre per i formaggi è utile orientarsi su quelli magri, come grana o ricotta. Meglio non eliminarli del tutto, perché contengono tante sostanze utilissime: la virtù è sempre nel mezzo!Attenzione anche all’assunzione dei grassi saturi, i quali possono provocare l’innalzamento dei livelli di colesterolo LDL nel sangue. Fonti di grassi saturi sono cibi di origine animale, come frattaglie, latticini, burro.
2. SOSTANZE NATURALI
Molti estratti vegetali possono aiutare l’organismo a diminuire il colesterolo, quando i suoi livelli non richiedono ancora l’intervento dei farmaci. Alcune delle sostanze più efficaci sono: •Riso rosso fermentato. Quando il lievito Monascus purpureus fermenta il riso, oltre a conferirgli una particolare colorazione rossastra, produce una preziosa sostanza: la Monacolina K. È un composto completamente naturale, che ostacola la produzione di colesterolo da parte dell’organismo, abbassando quindi i suoi livelli nel sangue. •Crisantello. È una pianta che cresce nell’America Centrale e in Africa, e che si rivela molto utile nel limitare la produzione di colesterolo e nel favorire la funzionalità epatica. •Cardo mariano. Disintossicando il fegato, agevola la regolazione dei livelli di colesterolo da parte di quest’organo. •Chitosano. Nell’intestino ostacola l’assorbimento delle sostanze grasse, tra le quali il colesterolo, assunte con la dieta.
L’AIUTO DI UN INTEGRATORE
Madre Natura ha pensato anche al colesterolo, dandoci modo di ricevere un aiuto quando non è ancora necessario l’intervento con farmaci. Colesan di Naturando si avvale della sinergia tra Monacolina K e altre preziose sostanze naturali (i policosanoli e il gamma-orizanolo) per aiutare a mantenere corretti livelli di colesterolo. Colesan è stato testato presso un prestigioso Istituto di Ricerca, dando validi risultati.
3. ATTIVITA' FISICA
Il primo consiglio che un medico dovrebbe dare a chi deve monitorare i propri livelli di colesterolo è praticare attività fisica. Il movimento aiuta a diminuire i valori di colesterolo LDL e ad aumentare quelli di HDL.In ogni caso attenzione: lo sforzo fisico non deve eccedere quelle che sono le capacità di ciascuno, altrimenti si rischia di ottenere ugualmente un effetto negativo sul sistema cardiovascolare. Per chi non è molto allenato, anche una disciplina relativamente tranquilla come lo yoga, praticato con costanza, può essere utile.


Presso l' Erboristeria Le Coccole è possibile trovare un trattamento completo. Un Team di professionisti sarà pronto a darvi tutte le informazioni utili ed una dieta equilibrata-personalizzata. Vi aspettiamo in piazza Garbaldi 22A , Pallanza VB, tel. 0323/347389; e-mail: formazioneolistica@yahoo.com

Bibliografia
Venero CV, Venero JV. Lipid-lowering efficacy of red yeast rice in a population intolerant to statins. Am J Cardiol. 2010 Mar 1; 105:664-6.
Lichtenstein AH. Thematic review series: patient-oriented research. Dietary fat, carbohydrate, and protein: effects on plasma lipoprotein patterns. J Lipid Res 2006;47:1661-7.
Nutrition Foundation of Italy panel. Non-pharmacological control of plasma cholesterol levels. NMCD 2008;18:S1-
Sofi F, Innocenti G, Dini C, Masi L, Battistini NC, Brandi ML, et al. - Low adherence of a clinically healthy Italian population to nutritional recommendations for primary prevention of chronic diseases. Nutr Metab Cardiovasc Dis 2006;16:436-44.
Brown L, Rosner B, Willet W, Sacks FM. Cholesterol-lowering effects of dietary fiber: a meta-analysis. Am J Clin Nutr 1999;69:30-42.
Durstine JL, Grandjean PW, Davis PG, Ferguson MA, Alderson NL, DuBose KD. Blood lipid and lipoprotein adaptations to exercise. A quantitative analysis. Sports Med 2001;31:1033-62.
Plat J, Mensink RP. Plant stanol and sterol esters in the control of blood cholesterol levels: mechanism and safety aspects. Am J Cardiol 2005;96:D15-22.
Ostlund RE Jr. Phytosterols and cholesterol metabolism. Curr Opin Lipidol 2004;15:37-41.
Ortega RM, Palencia A, Lopez-Sobaler AM. Improvement of cholesterol levels and reduction of cardiovascular risk via the consumption of phytosterols. Br J Nutr 2006;96:S89-93.
Grundy SM. Stanol esters as a component of maximal dietary therapy in the National Cholesterol Education Program Adult Treatment Panel III report. Am J Cardiol 2005;96:D47-50.
Osservatorio Epidemiologico Cardiovascolare Italiano. Atlante Italiano delle Malattie Cardiovascolari - II Edizione Italiana. Italian Heart J 2004;5(Suppl.).
Ferro-Luzzi A, Branca F. Mediterranean diet, Italian-style: prototype of a healthy diet. Am J Clin Nutr 1995;61:S1338-45.
Ulrich Strunz. Forever young. Tecniche nuove.
Gordon RY, Cooperman T, Obermeyer W, Becker DJ. Marked variability of monacolin levels in commercial red yeast rice products: buyer beware! Arch Intern Med. 2010 Oct 25;170(19):1722-7.

Queste informazioni offerte hanno carattere puramente divulgativo e non sostituiscono in alcun modo il consiglio del medico. I curatori di queste informazioni non si assumono alcuna responsabilità per eventuali conseguenze derivanti da un uso diverso da quello puramente divulgativo. Leggere le avvertenze prima di assumere il prodotto.fonte:naturando.it

CERCA OPERATORI OLISTICI

CALENDARIO EVENTI

Nessun evento in programma, consulta lo storico.


ULTIME FAQ

I benefici della Mindfulness

Yoga Reiki Ostetricia

PERCHE' PRATICARE GIOCA YOGA

Yoga Reiki Ostetricia

PERCHE' PRATICARE YOGA IN GRAVIDANZA

Yoga Reiki Ostetricia


Il Portale del Vivere Bene (1)
Tedaka (1)
Centro di Bionaturopatia "La Sorgente" di Mion Andrea
ALLARIA (1)
GeoLam